Blog

Verniciatura verticale | Sostituzione di aria compressa con azoto

Metra Color: sostituzione di aria compressa con azoto nella verniciatura verticale dei profilati di alluminio

verniciatura verticaleLa Metra è una grande azienda bresciana leader nel settore dell’alluminio per l’edilizia e l’industria, sempre orientata all’innovazione e alla ricerca continua. Grazie a una struttura organizzativa efficiente ma anche snella e flessibile, l’azienda produce oltre 90.000 tonnellate di profilati all’anno, offrendo una risposta precisa anche alle necessità progettuali più complesse.
Il grande stabilimento di Rodengo Saiano, guida degli altri 3 poli produttivi, vanta una sede denominata Metra Color, dedicata completamente alla finitura dei profilati d’alluminio: lo visitiamo accompagnati da Biagio Scopel, responsabile tecnico Metra Color, sempre in prima linea con l’industrializzazione delle innovazioni nel settore.
Lo dimostra l’installazione del Polifluid, l’apparecchiatura sviluppata e brevettata dalla Eurosider di Grosseto, che converte l’aria in azoto utilizzandolo come fluido di erogazione polveri, nella cabina dedicata ai metallizzati, marmorizzati e agli effetti speciali (fig. 4), ottenendo notevoli vantaggi tecnici, qualitativi ed economici

L’IMPIANTO DI VERNICIATURA VERTICALE DEI PROFILATI DI ALLUMINIO: TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Tutti i profili, preventivamente forati, vengono tradizionalmente posizionati sul tappeto automatico e convogliati alla zona di carico, dove l’operatore li appende ai ganci del trasportatore che, dotato di un apposito sistema, li trasferisce dalla posizione orizzontale a quella verticale, secondo la procedura di lavorazione, pronti per entrare nei due tunnel di pretrattamento. Il primo è composto dai seguenti passaggi: sgrassaggio acido, doppio lavaggio in acqua demineralizzata, decapaggio, doppio lavaggio in acqua demineralizzata, neutralizzazione e doppio lavaggio in acqua demineralizzata; mentre il secondo è costituito da: lavaggio specifico in acqua demineralizzata, conversione dell’alluminio e lavaggio in acqua demineralizzata. Usciti dal tunnel di pretrattamento, i profili entrano nel forno di asciugatura per poi venire smistati tramite un sistema intelligente di scambio posizionato al di sopra del convogliatore aereo, alle cabine di verniciatura, a seconda della finitura che devono ricevere: metallizzati o effetti speciali, bianchi e colori RAL. Nel primo caso i profili entrano nella cabina dotata dell’apparecchiatura Polifluid, che, attraverso l’utilizzo dell’azoto, eroga la polvere alle 24 pistole di applicazione. La cabina è dotata di un classico sistema di recupero dell’eccesso di prodotto -nonostante l’overspray sia molto ridotto grazie alla bassa pressione erogativa dell’azoto, che viene raccolto nel ciclone, filtrato e rimesso in uso.
Grazie allo scambiatore di linea, i profili vengono smistati alle varie cabine di verniciatura a seconda della finitura che devono ottenere.
Una volta verniciati, i profili entrano nel forno di polimerizzazione, in cui restano 20 minuti a una temperatura di 180° C.
Al termine della verniciatura, i pezzi vengono convogliati nella zona di scarico, in cui, con il procedimento inverso a quello del carico, sono portati in posizione orizzontale per permettere all’operatore di sganciarli.

I VANTAGGI OTTENUTI CON L’UTILIZZO DELL’APPARECCHIATURA POLIFLUID

Il sistema Polifluid è una vera e propria rivoluzione nel mondo della verniciatura come ci hanno confermato Lanfranco Sabato e Luca Del Negro della Eurosider di Grosseto. «L’apparecchiatura brevettata dalla nostra azienda concentra l’azoto contenuto nell’aria compressa attraverso il principio della permeazione selettiva e lo utilizza come fluido di spinta nella fase di applicazione di prodotti vernicianti in polvere -ci spiega Luca Del Negro.
Erogando azoto, un gas inerte e anidro, il Polifluid rende costanti i valori di umidità e temperatura: due variabili incontrollabili fino a oggi. Inoltre, abbattendo l’umidità, il sistema evita che la polvere si accumuli sulle pareti interne del tubo di erogazione e all’interno della pistola, che altrimenti, rilascerebbe grumi di polvere che determinano spessori non uniformi del film polimerizzato». «I vantaggi che si ottengono utilizzando il sistema di verniciatura Polifluid sono di varia natura -prosegue Lanfranco Sabato:

 finanziario: risparmio del prodotto verniciante (15-30%), maggiore efficienza di trasferimento polvere sul pezzo, riduzione dei manufatti non conformi e degli scarti, ottimizzazione di ogni singolo parametro di applicazione

 produttivo: polvere più fluida e maggiore penetrazione nei punti più difficili (angoli), ottima resa e copertura con meno micron applicati sugli spigoli, aumento della velocità della catena di produzione (10-20%)

 qualitativo: spessori uniformi, maggiore distensione della polvere sul pezzo, riduzione dell’effetto “buccia d’arancia”, riduzione della portata e velocità di erogazione nelle pistole

 ambientale: miglioramento delle condizioni degli ambienti di lavoro, condizioni costanti e ripetibili che agevolano il lavoro dell’operatore».

ANCORA SULLA PRODUZIONE IN METRA COLOR

Completano lo stabilimento produttivo Metra Color un impianto di sublimazione, uno di ossidazione anodica e una linea di verniciatura profili in orizzontale. Il primo
è dedicato alle finiture effetto legno: il profilo in alluminio, precedentemente verniciato a polvere, viene ricoperto da una pellicola prestampata che, sfruttando il principio del sottovuoto, aderisce perfettamente al manufatto. Successivamente il profilato entra nel forno a circolazione d’aria a 180° C in cui, per effetto dell’elevata temperatura, avviene il trasferimento delle molecole dei pigmenti della pellicola applicata, che si consolidano sul pezzo disperdendosi sotto forma di gas. Il processo termina rimuovendo il film, la cui stampa è penetrata ormai nello strato di vernice, dal supporto.

VERNICIATURA VERTICALE: CONCLUSIONI

La Metra è un’azienda caratterizzata da un servizio completo e versatile disegnato su misura sulle esigenze del cliente, garanzia di elevati standard qualitativi: caratteristiche assicurate da una filiera produttiva a 360° gestita da tecnologie impiantistiche avanzate e in costante aggiornamento.
«Il nostro obiettivo primario – conclude Biagio Scopel – è fornire un prodotto qualitativamente eccellente in termini di assenza di difetti superficiali e dalle elevate proprietà meccaniche e di resistenza alla corrosione del film depositato, che duri nel tempo senza deterioramenti precoci. La verniciatura dei profili in verticale ci permette di ottenere un prodotto dalle caratteristiche sopraccitate e la scoperta con conseguente installazione del Polifluid ci ha permesso addirittura di migliorarlo, grazie all’eliminazione delle problematiche tradizionali della verniciatura a polveri».